La Conversione dei Siti Militari >> Tecnologie >> Eolico
L'energia eolica si basa sullo sfrutttamento dell'energia contenuta nel vento, il quale è originato dalle asimmetrie termiche ed è perciò un'energia di origine solare.

"Il 2009 si è chiuso con una potenza eolica efficiente di 4.850 MW, di cui 1.114 MW installati nell'ultimo anno, nuovo record assoluto per l'Italia. La cifra rappresenta la quantità di potenza installata più alta di sempre ed equivale ad una capacità di produzione elettrica di 6,7 TWh (terawattora) sufficiente a coprire il 2,1% del consumo interno lordo".1 In altre nazioni come la Danimarca (che nel 2002 contava 2.889 MW e il 12,5% dell'energia prodotta), la Germania e la Spagna, l'energia eolica costituisce invece una fonte rilevante.2


Gli impianti in Italia sono dislocati principalmente sull'appennino meridionale, in Sicilia e Sardegna, anche se vi sono iniziative un po' dappertutto. A Calice Ligure, tra le località italiane più interessanti per la produzione di energia eolica, si trova l'ex base NATO denominata Scatter. Nel 2001 il Comune ha approvato la realizzazione di un impianto costituito da un generatore eolico da 800 kW  finanziato con contributi della Regione Liguria e del Ministero dell'Ambiente oltre che con finanziamenti privati, precisamente della società concessionaria della costruzione e gestione dell’impianto per 25 anni. È stato poi deciso l’ampliamento prevedendo l’installazione di altri due aerogeneratori.3

 La fattoria eolica di Calice Ligure nella ex base NATO

Per descrivere lo stato della ricerca tecnologica per l'energia eolica nel mondo è bene fare tenere presente i principali limiti che questa tecnologia presenta dal punto di vista dei costi, dell'efficacia, della discontinuità della produzione e dell'impatto paesaggistico-ambientale. Molte ricerche si rivolgono all'aumento di produzione delle singole macchine: tra il 1994 ed oggi la potenza della turbina commerciale più usata è passata da 300 kW a 2.000 kW.

Un ulteriore passo è la ricerca di progetti che limitino il rumore prodotto dalle pale, poiché la potenza che la pala trasmette è correlata al rumore che genera. Il progetto delle pale è fondamentale anche per aumentare l'affidabilità delle turbine e ridurre i costi di manutenzione. Altro percorso è legato allo sviluppo dei generatori verticali di tipo Darrieus: questi non hanno bisogno di essere orientati in direzione del vento e hanno il generatore in basso, che può avere dimensioni più grandi. Infine vi sono studi e attività per l'installazione di impianti off-shore: in Danimarca, per esempio, il parco di Nysted è tra i più grandi con una produzione di 165 MW.


1 Dall'articolo: Eolico italiano da record nel 2009, gennaio 2010 (www.ilsole24ore.com)
2
A. Bartolazzi, Le energie rinnovabili, Hoepli, Milano, 2006
3 FONTE: http://www.comune.calice-ligure.sv.it